Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog

Cantina del Rustico 1885

I Giardini di Delfina Croce

Cantina del Rustico 1885

Bruzolo

Bruzolo (Bruzeul in piemontese, Bërsoel in francoprovenzale) è un comune italiano di 1.567 abitanti della provincia di Torino, noto nei libri di storia per il Trattato di Bruzolo firmato presso il castello nel 1610.

TERRITORIO

Il comune di Bruzolo si trova in bassa Val di Susa e il suo capoluogo è collocato in sinistra idrografica della Dora Riparia.

STORIA

Nel Castello di Bruzolo venne firmato il 25 aprile 1610 il Trattato di Bruzolo tra gli emissari di Enrico IV re di Francia, Claude de Bullion e François de Bonne de Lesdiguières, e Carlo Emanuele I Duca di Savoia.


Simboli[modifica | modifica sorgente]
Il gonfalone comunale riporta come simboli un'aquila e un agnello, che arde fra le fiamme. Secondo alcuni, fanno probabilmente riferimento ai simboli dei due santi patroni del paese, San Giovanni Evangelista e San Giovanni Battista (entrambi raffigurati sulla pala d'altare della Chiesa parrocchiale), oppure, per quanto riguarda l'aquila, omaggio al simbolo araldico dei Conti Grosso, feudatari del Castello di Bruzolo dal 1544 al 1797. L'agnello è adagiato su paglia che arde, riferimento tradizionalmente attribuito al nome del paese, che richiamerebbe una terra bruciata dal sole. Secondo altri, l'agnello sarebbe il paese sottoposto al giogo del potere feudale ma non vinto.

LUOGHI DA VISITARE

Principale monumento del paese è il Castello di Bruzolo, che con il ricetto (ora noto come "cortile del Castello", è attualmente fra i più grandi manieri conservati in Valle di Susa. Si trova nella parte bassa del conoide alluvionale su cui sorge il paese.


Bruzolo un tempo era composto dalla somma di più borgate autonome e cascine agricole e nel corso del Novecento ha visto un punto ideale e geografico di unione nel Municipio, costruito al centro dei vari abitati. Sparse per il paese ed ora inframmezzate ai nuclei di nuova costruzione si trovano quindi antiche testimonianze della Bruzolo che fu. Antichi nuclei abitati sono, nell'ordine dal basso verso l'alto, in Via dei Mille, Frazione S. Rocco, Cascina Mollardera, zona del Prevostale, Borgo Abbadia, zona Favro, zona dei Castagneti. Qui, sfruttando l'energia idraulica dei sarti d'acqua derivati dal Rio Pissaglio, sono sorti alcuni mulini (ne permangono due con ruote in ferro ancora installate e una terza ruota presso la segheria)


Nella zona alta vi è anche la Fucina di Bruzolo, documentata come la più antica del Piemonte, risalente almeno al XIII secolo. Essa, acquistata dalla Famiglia Olivero insieme al Castello nel 1797, è negli anni '90 del 2000 stata acquisita al patrimonio del Comune di Bruzolo ed è in corso di restauro.


Infine, degno di nota è il campanile della parrocchiale. Risale all'anno 1000 e presenta caratteristiche costruttive simili a quelli di altre strutture la cui commissione pare sia dovuta agli antenati Adelaide di Susa od ai suoi discendenti.


La Chiesa parrocchiale è stata invece completamente ricostruita a navata unica con cappella laterale nel 1724. A quell'epoca soprattutto in facciata doveva presentare un aspetto barocco notevolmente diverso dall'attuale, con un nartece porticato probabilmente fornito di loggia al piano superiore; ne restano testimoni le tamponature ancora visibili nei muri interni dell'ingresso. La successiva costruzione in tempi diversi delle due navate minori (in quella verso Nord addirittura traforando la base del millenario campanile) ha snaturato il progetto originario. Recentemente la Chiesa parrocchiale è stata sottoposta a un completo ciclo di restauro grazie al contributo di popolazione ed enti locali.

PERSONE LEGATE A BRUZOLO

Federico Marconcini (1883-1974), fondatore del Partito Popolare, antifascista, consigliere provinciale, deputato, senatore, docente di scienza delle finanze all'Università Cattolica di Milano e all'Università di Torino

Condividi pagina

Repost 0