Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog

Cantina del Rustico 1885

I Giardini di Delfina Croce

Cantina del Rustico 1885

Exilles

Exilles (Exilhas in occitano nella norma classica, noto anche Isiya; Isiles in piemontese; italianizzato in Esille durante il regime fascista) è un comune italiano di 267 abitanti della provincia di Torino che si trova in Alta Val di Susa.
È l'antica gallo-romana Excingomagus.


Il comune fa parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone ed è noto soprattutto perché vi sorge l'omonimo forte.

TERRITORIO

Exilles sorge a 870 metri di altitudine in Alta Val di Susa all'interno di una stretta gola della Dora Riparia, a circa 67 km da Torino. La valle ha qui un suo punto caratteristico chiudendosi, prima del vasto pianoro di Oulx, nella "Comba di Exilles". La costiera sud (a destra orografica) sale sino alla Testa dell'Assietta (2.566 m s.l.m.), quella nord fino al monte Niblè (3.365 m s.l.m.), una delle vette del massiccio dell'Ambin.

STORIA

L'abitato di Exilles ha origine antichissima: grazie alla sua posizione strategica il sito attualmente occupato dal Forte era abitato già in epoca primitiva e poi in epoca celtica: solo dal 1155, sotto il comando dei conti d'Albon, si può confermare l'esistenza di un vero e proprio complesso fortificato. Da quella data, il forte di Exilles e il paese passarono di mano in mano, tra la dominazione piemontese e quella francese: una storia lunga, che vide contrapposte per lungo tempo le fazioni del Ducato di Savoia e quelle del Delfinato, e che diede anche origine alla famosa vicenda del Miracolo eucaristico di Torino.

Nei primi giorni di giugno 1593 Exilles e dintorni passarono saldamente sotto il controllo di Carlo Emanuele I di Savoia, grazie anche all'operato che ebbe, nella spedizione militare, il suo alleato spagnolo don Rodrigo di Toledo, rimasto ucciso in un conflitto a fuoco nelle montagne e sepolto poi a Plan di Savoulx.

Passato alla Francia, la leggenda vuole che qui, tra il 1681 e il 1687, sia stato detenuto il celebre personaggio poi denominato "Maschera di Ferro".

Dopo il Trattato di Utrecht, Exilles venne fortificato nuovamente dai Savoia, che ne fecero una piazzaforte inespugnabile. Nel settembre del 1745, nel corso della guerra di successione austriaca, le tuppe francesi tentarono di aprirsi la strada verso la bassa valle di Susa attaccando il forte di Exilles, ma vennero respinti dalle cannonate della guarnigione del forte al comando del capitano Papacino d'Antoni.

Nel 1796 i francesi ne ordinarono lo smantellamento: la città era infatti passata alla repubblica dopo il Trattato di Parigi e Vittorio Amedeo III di Savoia, come ricorda Luigi Cibrario:

« ...cedette alla Francia la Savoia, Nizza, Tenda; si obbligò a demolire le fortezze di Exilles, di Susa e di Demonte, consentì che fossero occupate dai francesi Cuneo, Ceva, Tortona, Alessandria, Casteldelfino e l'Assietta... »

(Luigi Cibrario, Storia di Torino, libro VI)

Exilles tornò di vitale importanza nell'Ottocento, durante il periodo in cui l'Italia fu membro della Triplice Alleanza: in questo periodo, dovendo difendere i confini con la Francia, il governo italiano stanziò fondi per la ristrutturazione del forte, facendo diventare Exilles uno dei comuni più popolati della Valle Susa; con la decadenza della fortezza, avvenuta in seguito al ritiro delle forze armate, l'importanza del comune venne sempre più a scemare a livello strategico.

Negli anni del fascismo la denominazione venne italianizzata in "Esille"; la forma originale fu ripristinata nel 1953

LUOGHI DI INTERESSE STORICO

Il Forte, principale attrattiva artistica di Exilles è il suo forte, che ha reso il paese punto di primaria importanza nella rete difensiva sabauda e francese, poiché i confini della zona portarono Exilles a passare dall'una all'altra potenza;

La Cappella di San Rocco, costruita nel 1660 su impianto romanico;

La Parrocchiale di S. Pietro Apostolo, originaria del XI secolo a tre navate con pregevole portale gotico e un importante campanile tardoromanico.

PERSONAGGI LEGATI AD EXILLES

la Maschera di Ferro, misterioso prigioniero che la leggenda associa al forte.

Antonio Bertola ingegnere militare che fu incaricato, nel 1711 delle riparazioni del forte che era stato danneggiato durante l'assedio delle truppe sabaude che si termino con la sua resa, il 12 agosto 1708. Nel 1715, concepì il primo progetto di trasformazione dell'antico castello in fortezza capace di sorvegliare un nuovo confine con la Francia.

Ignazio Bertola (1676-1755), conte di Exilles dal 1742. Figlio adottivo di Antonio Bertola, celebre ingegnere militare, con il quale collaborò durante l'Assedio di Torino del 1706. Affermatosi in seguito come brillante ingegnere militare, venne nominato responsabile del sistema di fortificazioni dello Stato di Savoia. A lui si devono i progetti dell'integrale rifacimento del forte di Exilles.

Ernestina Prola, moglie di un ingegnere delle ferrovie, fu la prima donna italiana a conseguire la patente di guida nel 1907.

ECONOMIA

L'economia di Exilles si basa essenzialmente sul turismo, recentemente sviluppatosi attorno al Forte, e sull'agricoltura: grazie a particolari condizioni climatiche a monte del paese esistono dei rari vitigni di montagna. Attualmente la C.M.A.V.S., con sede in Oulx, ha avviato il progetto "mille viti a quota mille metri" collocato nella zona "Clote" sopra l'abitato della frazione Deveys.

Condividi pagina

Repost 0